DIZIONARIO


E’ vero, parliamo difficile. Per venire incontro all’inclito e al volgo raccogliamo in questa pagina alcuni termini e nomi di persone che è interessante conoscere. Dove è possibile raccoglieremo dei link interessanti per chi volesse approfondire i temi elencati.

CIP6: il CIP6 è un provvedimento del Comitato Interministeriale Prezzi adottato mediante Circolare n. 6 del il 29 aprile 1992, con cui sono stabiliti prezzi incentivati per l’energia elettrica prodotta con impianti alimentati da fonti rinnovabili e assimilate. In conseguenza di esso, chi produce energia elettrica da fonti rinnovabili e assimilate può rivenderla ad un prezzo superiore a quello di mercato. I costi di tale incentivo vengono finanziati mediante un sovrapprezzo sul costo dell’energia elettrica, che viene addebitato direttamente ai consumatori in bolletta: tale sovrapprezzo è pari a un valore compreso tra il 7 e l’8% del consumo (quindi, sul valore della bolletta inteso al netto dell’IVA e delle imposte: ex voce A3). Le modalità con cui vengono distribuiti gli incentivi CIP6, che nascevano, stando alle premesse, con i migliori propositi, ha tuttavia innescato un’aspra polemica, a cui i media hanno sempre dato, e stanno dando tutt’ora, poca risonanza. La controversia è legata, manco a dirlo, a una parolina magica: INCENERITORE. Per quanto un inceneritore non utilizzi fonti di energia rinnovabili, è stato calcolato che nel 2004 ben il 76.5% dell’energia proveniente da fonti “rinnovabili”, ritirata e ben pagata dal GSE ai gestori degli impianti, proveniva da inceneritori e da residui di raffineria, per un totale di 2.4 miliardi di euro, ovviamente di soldi nostri.

EX VOCE A3: è una delle voci che concorre a formare il totale delle imposte che paghiamo nella bolletta della luce. Per l’esattezza la dicitura era “A3: COSTRUZIONE IMPIANTI FONTI RINOVABILI” (il famoso CIP6). “Era” perchè dal bimestre aprile-maggio 2007 il dettaglio delle imposte è sparito, sostituito dalla voce unica “IMPOSTE”.

GSE: Gestore Servizi Elettrici (GSE S.p.A.) già denominata Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale (GRTN S.p.A.), è una società per azioni italiana interamente controllata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze che esercita i diritti dell’azionista con il Ministero delle Attività Produttive.

TERMOVALORIZZATORE: non esiste il termovalorizzatore. E’ una invenzione politica per dare un nome rispettabile a un ecomostro che brucia rifiuti, produce inquinamento e ceneri pericolose a spese dei cittadini. Noi lo chiamiamo INCENERITORE, che poi è il suo vero nome e l’unico termine che ha una corrispondenza in lingua straniera. Termini collegati: CIP6, T.R.M., GERBIDO, NANOPOLVERI.

TMB: Trattamento Meccanico Biologico. Sistema di trattamento finale dei rifiuti senza combustione che, partendo da ciò che resta dei rifiuti solidi urbani dopo la raccolta differenziata, li tratta meccanicamente e biologicamente per ottenere alla fine un rifiuto inerte utilizzabile in edilizia o come combustibile per i cementifici.

T.R.M. : Società per Azioni attiva in Piemonte che si occupa della costruzione e gestione dell’INCENERITORE che dovrebbe sorgere a TORINO nella zona del GERBIDO. E’ una società a partecipazione mista pubblico-privato. Attualmente il CONSORZIO CHIERESE PER I SERVIZI detiene una quota di azioni pari al 3% (circa 500.000 €).

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: