Home > manolino, moderati, movimento 5 stelle, politica, regionali 2010 > HANNO LA FACCIA COME IL… EPISODIO 1

HANNO LA FACCIA COME IL… EPISODIO 1

Ricevo nella mia buca delle lettere rigorosamente a spese del cittadino il plico elettorale del moderato chierese Manolino.

All’interno del colorato pieghevole autocelebrativo dove con roboanti perifrasi si celebra una “vita politica da mediano” spicca una perla, una proposta di legge che suona più o meno così: “La politica la possono fare solo quelli che fino ad oggi hanno fatto politica. Gli altri si fottano!” ovvero “Noi siamo noi e voi siete un cazzo”. A onor del vero l’intento è nobilissimo in quanto mira a qualificare la presenza e la attività legislativa Regionale.

Si legge testualmente “una legge regionale che consenta le candidature solo a coloro che hanno (“i quali abbiano” sarebbe più corretto, riga rossa per Lei!)  esperienze amministrative pluriennali, in enti pubblici o società di gestione, per qualificare la presenza e la attività legislativa Regionale“. Meno male che ha avuto il decoro di non aggiungere ” e che si chiamino Giuliano e siano Geometri diplomati a 18 anni.”

Io proporrei invece una legge che vieti agli amministratori locali di avere la residenza lontano dal comune in cui esercitano l’attività di politico, in maniera da non indurre in tentazione qualcuno a fare il giochetto per massimizzare il rimborso chilometrico previsto per l’attività di politico eletto. Non ce ne dovrebbe essere bisogno visto che non credo ci sia un politico così spregevole da ricorrere a dei mezzucci simili, ma si sa che siamo in Italia…

Come movimento invece crediamo che tutti i cittadini abbiano il diritto/dovere di partecipare all’amministrazione della cosa pubblica. Crediamo altresì che i giovani debbano impegnarsi in questa attività a termine, altrimenti avremo sempre più dei sepolcri imbiancati, politici di professione che lavoreranno principalmente per mantenere il proprio privilegio acquisito e per difendere il proprio stipendio (per tacere della liquidazione pari a 2 mensilità per anno di mandato che in 5 anni è pari a circa 80.000 euro).

La nostra proposta per qualificare la presenza e la attività legislativa Regionale è PORRE UN LIMITE DI DUE MANDATI PER I POLITICI IN GENERALE e CONSENTIRE LA CANDIDATURA AI SOLI CITTADINI CHE ATTESTINO UNA FEDINA PENALE PULITA.

In questa maniera non si verrebbero a creare feudi, baronìe, inciuci, legami troppo stretti e spesso imbarazzanti con comitati di affari e lobbies e potremmo tornare a guardare alla politica come un servizio allo Stato e ai Cittadini e non agli interessi di pochi.

Alberto Rosso

Candidato Consigliere Regionale alla Regione Piemonte

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: